Sei qui:

Giovedì, 28 Gennaio 2010 23:00

Preparare il bambino al nido...

Preparare il bambino al nido o alla scuola dell’infanzia è il primo vero distacco!
Questa vuole essere una guida in perenne evoluzione per affrontarlo senza traumi e per aiutare il bambino ad inserirsi nel nuovo ambiente. Ma vogliamo evidenziare anche i criteri per valutare se l’accoglienza è adeguata e … le possibili alternative.

Tutte le informazioni a carattere medico scientifico contenute nel presente opuscolo non possono sostituire in nessun caso i consigli del vostro pediatra.

Questa guida è disponibile gratuitamente ma su richiesta presso la nostra sede in Via Galatina snc Capua Ce  

NOTE IL nostro obiettivo è di fornire informazioni di carattere generale a coloro che sono in procinto di affidare il proprio bambino al Nido, alla sez. Primavera o alla scuola dell’infanzia.

Giovedì, 28 Gennaio 2010 22:58

Cos’è la sezione Primavera?

La prevista creazione di “sezioni Primavera” per bambini di 2/3 anni con compimento entro il 31/12/2017 annesse al servizio della “scuola dell’Infanzia”, coglie un’esigenza culturale

fortemente radicata nella nostra società caratterizzata da incontri, situazioni e filosofie diverse che richiedono ogni soggetto sociale, in particolare alle agenzie educative, una nuova strategia dell’accoglienza. L’apertura di questo servizio “intermedio” tra la fascia dell’Infanzia e della prima Infanzia ha costituito e continuerà a costituire una occasione straordinaria di avvio graduale del bambino alla scoperta delle relazioni esterne e nel contempo l’occasione di sviluppo di una genitorialità consapevole e aperta alla socialità. Il bambino, in questa nuova opportunità educativa assistenziale, lo si vorrà vedere crescere come una persona integrata nel rispetto delle sue parti il corpo, la psiche, la mente, offrendo a Lui la possibilità di costruire attivamente un rapporto significativo ed equilibrato tra sé e l’ambiente circostante. Ecco i principali obiettivi che il nostro servizio si propone di continuare a perpetrare e cogliere anche per il nuovo a.s. 2017/2018:

A. Riconoscere e favorire l’espressione del bambino nei diversi momenti del suo processo educativo in un contesto di continuità e di coerenza educativa e nel riconoscimento delle diverse identità;

B. Permettere al bambino di vivere in un ambiente fisico e psicologico facilitante e proponente la sua crescita. Ogni intervento considererà la centralità della persona, la promozione delle sue potenzialità nel rispetto delle diverse fasi di sviluppo;

C. Allacciare relazioni gruppali significative con i bambini della stessa età e di età diverse.

Giovedì, 28 Gennaio 2010 22:59

Cos’è il Nido?

Il Nido è un servizio socio-educativo che si affianca alla famiglia per offrire al bambino da 3 mesi a 24 mesi circa maggiori esperienze di conoscenza ed opportunità di incontri significativi con altri bambini ed adulti.

E’ uno spazio di gioco educativo in cui personale specializzato accudisce e segue il vostro bambino nel suo sviluppo stimolandone potenzialità, capacità e soprattutto la creatività in un ambiente sereno e rassicurante. Oggi gli asili nido non sono più luoghi in cui ci si prende cura delle esigenze fisiologiche dei piccini, ma un vero luogo di crescita e formazione e ancor più è in programma che lo diventino quando sarà approvata una nuova legge in parlamento … quindi un luogo non solo per le mamme lavoratrici, ma per tutti i bimbi. Una sorta di spazi per la prima infanzia, magari ad orari flessibili, in cui i bambini possano fare amicizia, fare esperienze di incontro e di socializzazione con i coetanei.

Giovedì, 28 Gennaio 2010 15:51

Cos’è la scuola dell’Infanzia?

La scuola dell’Infanzia si configura come scuola della ricerca, della comunicazione e della creatività. In questo tipo di scuola il bambino tra i 3 ed i 6 anni è soggetto attivo, impegnato a rapportarsi con la realtà,

La costruire creativamente i suoi processi di conoscenza e di interazione con gli altri. Le finalità sono di maturazione dell’identità, conquista dell’autonomia e sviluppo delle competenze con tema di riferimento alle diversità nelle sue varie accezioni: fisiche, psichiche , culturali ed etniche. E’ importante evidenziare che è severamente proibito dalla legge prendere alla scuola dell’infanzia ( ex scuola materna ) i bambini al di sotto dei 3 anni e in numero maggiore di quanti dichiarati alla Direzione Generale per gli studi di Napoli, Ufficio Tecnico e alla ASL.

PREMESSA Il servizio scolastico, nel rispetto delle norme costituzionali e degli ordinamenti della scuola:

- contribuisce alla formazione dell’alunno, alla sua educazione ed istruzione;

- attua iniziative dirette a garantire il diritto allo studio di ciascun bambino predisponendo strutture, servizi ed attività educative; - garantisce l’autonomia professionale dei docenti nello svolgimento dell’attività didattica, scientifica e di ricerca;

- si organizza come comunità che entra in relazione con la società civile e intesse rapporti con il territorio. Questa Carta raccoglie gli aspetti peculiari della scuola nell’idea che proprio attraverso la trasparenza e l’informazione si possa migliorare la qualità complessiva del servizio scolastico. Essa rappresenta il frutto di una riflessione comune operata da tutte le componenti professionali ed il risultato del confronto collegiale sul senso di un servizio finalizzato ad elaborare e a trasmettere istruzione, educazione, formazione e cultura secondo indispensabili criteri di efficienza, efficacia e qualità.

I PRINCIPI FONDAMENTALI

La Carta dei Servizi dell’Istituto “Paidéia” si ispira ai principi fondamentali della Costituzione Italiana, in particolare agli artt. 3 - 30 – 33 e 34. La scuola, pertanto, assume come prospettiva di impegno educativo i seguenti principi:

- Uguaglianza. Il servizio scolastico viene erogato senza alcuna distinzione per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psicofisiche e socioeconomiche.

- Imparzialità e regolarità. Gli erogatori del servizio scolastico, agendo secondo criteri di obiettività ed equità, ne garantiscono l’imparzialità e la regolarità.

- Accoglienza ed integrazione. La scuola si impegna a favorire l’accoglienza dei genitori e degli alunni nella struttura scolastica, l’inserimento e l’integrazione di questi ultimi con particolare riguardo alla fase di ingresso alle classi iniziali e alle situazioni di rilevante necessità (alunni disabili, stranieri, degenti in ospedale ).

- Diritti degli alunni. Partendo dal principio che la scuola è e deve essere costruita per gli alunni e non viceversa, la scuola riconosce il diritto all’istruzione e all’educazione di tutti i bambini, come presupposto fondamentale dell’esercizio del diritto di cittadinanza.

- Partecipazione e responsabilità. Nella sua opera la scuola ricerca la collaborazione dei genitori, titolari primi del diritto-dovere di istruire ed educare i propri figli, su un piano di reciproca responsabilità. Essa sollecita, pertanto, ogni forma di partecipazione delle famiglie alla vita e alle scelte educative della scuola, attraverso gli istituti e le forme previste nell’ambito degli organi collegiali.

- Apertura al territorio. La scuola si impegna a favorire le attività extrascolastiche ponendosi come centro di promozione culturale, sociale e civile, consentendo il migliore uso degli edifici e delle attrezzature.

- Efficienza e trasparenza. L’attività scolastica, configurandosi come pubblico servizio, si ispira a criteri di efficienza, di efficacia e di flessibilità nell’organizzazione dei servizi amministrativi e dell’attività didattica. A tal fine promuove la formazione in servizio del personale e favorisce un rapporto trasparente con l’utenza. Libertà di insegnamento. In base all’art. 33 della Costituzione l’insegnamento è un’attività libera come l’arte e la scienza. Tale libertà viene assicurata nel rispetto della garanzia di formazione dell’alunno e degli obiettivi formativi nazionali fissati dai Programmi didattici per la scuola elementare e dagli Orientamenti educativi per la scuola materna.

Giovedì, 28 Gennaio 2010 11:59

Alcuni consigli pratici

1. Alcune riflessioni
2. Le sue esigenze
3. Cosa fare
4. E… cose da non fare!
5. Rispettare i suoi tempi
6. Come ci si abitua al distacco
7. Le regole base per un buon inserimento sociale
Giovedì, 28 Gennaio 2010 11:18

Orari e Servizi

Nido d’Infanzia, sez. Primavera e Scuola dell’Infanzia (dal Lunedì al Venerdì):

Giovedì, 28 Gennaio 2010 10:59

Organizzazione SCUOLA dell’INFANZIA

Si articola in sezioni contrassegnate con la denominazione M3 M4 M5 che comportano la formazione di gruppi omogenei per età che seguono i propri orientamenti nell’ambito della propria aula
Mercoledì, 27 Gennaio 2010 12:14

Organizzazione assistenza

Assistenza prescolastica e post-scolastica.
Gli alunni della scuola Primaria che giungono a scuola in anticipo rispetto all’orario dell’attività didattica ricevono assistenza e vigilanza da parte del personale docente in servizio nella scuola.

Lunedì, 25 Gennaio 2010 12:41

Linee psicopedagogiche

Lo sviluppo
I servizi per l’infanzia comprendono obiettivi ambiziosi tra cui la risposta ai bisogni complessi dei bambini e delle bambine collegati alle aspettative genitoriali e sociali.

Sabato, 23 Gennaio 2010 13:06

Mezzi – Strumenti

• Programmazione disciplinare
• Progetti interdisciplinari
• Interventi individualizzati: attività di recupero, sostegno
Pagina 1 di 2

News


Paideia Gallery

Seguici

Contatti

Home
Istituto Paideia
Via Galatina snc
81043 Capua
Phone
+39 0823 960893
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.